“Ringrazio la Salernitana per l’opportunità che mi ha dato, voglio dimostrare che posso fare ancora bene. Ho tanta voglia di giocare e di cercare di rifare ciò che ho fatto l’anno scorso. Mi metto a disposizione dei miei compagni e spero di ripagare la fiducia che mi ha dato la Società. Il campionato di Serie B è molto equilibrato, non c’è una squadra che ammazza il campionato come qualche anno fa. La rosa è formata da un mix di giovani e giocatori più esperti e io sarei ben contento di essere di aiuto per i più giovani. Credo che possiamo lottare per qualcosa di importante perché ho trovato un bel gruppo, che mi ha accolto benissimo, e abbiamo un grande pubblico che è la nostra arma in più”. Queste le prime dichiarazioni del nuovo attaccante granata Emanuele Calaiò intervenuto nella conferenza stampa di presentazione.

Il centravanti ha aggiunto: “A Padova non c’era la possibilità di esserci perché non c’erano i tempi tecnici. Fisicamente sto bene ma non giocando da cinque mesi mi manca il ritmo partita. Vedremo insieme all’allenatore e alla Società se è il caso di essere disponibile per venerdì. Credo che lavorando bene con lo staff nel giro di due settimane posso entrare in condizione”.

Calaiò ha quindi concluso: “Salerno è una piazza importante e ci tengo molto a fare bene in questa città. L’obiettivo è quello di fare più gol possibili ed aiutare la squadra nel reparto offensivo, con la Salernitana vorrei raggiungere i duecento gol in carriera e farò di tutto per riuscirci. La cosa primaria per me è lottare e sudare la maglia, è importante che la squadra faccia bene e porti i tre punti a casa. Sapevo che questo è l’anno del centenario, faremo il massimo per disputare un campionato da protagonisti. Speriamo già da venerdì di dare una bella soddisfazione ai nostri tifosi”.