U.S. Salernitana 1919 - Photo Ianuale

“Ci teniamo molto a mettere in bacheca un trofeo importante come la Coppa Italia di Lega Pro. Le stesse motivazioni, però, le avrà anche il Monza, che sicuramente non è arrivato in finale per caso: ha eliminato squadre importanti e questo vuol dire che ha meritato questo traguardo. Abbiamo pieno rispetto dei nostri avversari, consapevoli che entrambe le squadre partono con il cinquanta per cento di possibilità di vincere la coppa”. Con queste parole il tecnico Angelo Gregucci è intervenuto alla vigilia di Monza – Salernitana, match di andata della Finale di Coppa Italia Lega Pro.

 

U.S. Salernitana 1919 - Photo IanualeProprio sull’avversario di domani, il mister ha aggiunto: “Il Monza è una squadra organizzata e ben allenata. Ha il giusto mix di giovani che fanno parte dell’Under 21 di Lega Pro e di giocatori dal curriculum importante. Mi aspetto una partita combattuta in cui non verrà sicuramente fuori la differenza di categoria tra le due squadre, ecco perché dovremo dare il massimo per fare bene”.

 

Sugli undici che scenderanno in campo domani sera al “Brianteo”: “Poter disporre di una rosa ampia serve proprio a far fronte a diversi impegni. Il mancato recupero di Berardi potrebbe dare spazio a Iannarilli, ma non ho ancora deciso la formazione e mi riservo le ultime valutazioni per le prossime ore. Come più volte ribadito, essenziale per me è il concetto di squadra, che viene sempre prima di ogni singolo calciatore: in quest’ottica, nonostante domani sarà squalificato, ho deciso di convocare anche Sembroni”.

 

Sulla visita in ritiro del patron Marco Mezzaroma: “Fa sempre piacere avere vicina la Società. Il Presidente ha cercato di darci il proprio sostegno e noi cercheremo sempre di ripagare con il nostro impegno il lavoro svolto dalla Proprietà”.

 

U.S. Salernitana 1919 - Photo IanualeIdee chiare, infine, sull’atteggiamento che i granata dovranno mettere in campo domani sera: “Quella di domani è una finale e in quanto tale va onorata nel migliore dei modi. Ce la siamo guadagnata con il lavoro dei ragazzi e degli allenatori che mi hanno preceduto in questo percorso. Guardiamo sempre di partita in partita e adesso la nostra concentrazione è completamente rivolta al Monza. Da giovedì penseremo al campionato”.

 

Facebook Question di Eugenio Ciliberti: In che modo ha cambiato radicalmente questa squadra, facendole trovare un gioco fluido, che con i precedenti allenatori abbiamo visto a sprazzi, e l’affiatamento necessario dopo un periodo di tensioni in campo e fuori?

“Non credo esistano alchimie particolari, credo nella professionalità delle persone. Ognuno deve fare al meglio il proprio ruolo, con i fatti e non con le parole. Occorre remare tutti nella stessa direzione perché con le singole componenti non si arriva lontani”.