U.S. Salernitana 1919 - Photo Ianuale

La Salernitana trionfa in Coppa Italia Lega Pro. I granata alzano per la prima volta questo trofeo e lo fanno nella seconda finale della propria storia. La prima e unica volta che vedeva la Salernitana all’ultimo atto della manifestazione tricolore di terza serie risale alla stagione ‘79/’80, quando gli uomini di Luigi Gigante affrontarono in finale il Padova: la vittoria per 3–1 del “Vestuti” fu vanificata dal 4–0 subito in Veneto che stroncò i sogni di gloria dei granata. Ma questa è storia passata. Il presente parla di un doppio confronto col Monza che regala la prima Coppa Italia dell’ultranovantennale storia del club e riscatta l’amarezza di 34 anni fa nella serata dedicata al grande Agostino Di Bartolomei.

Un percorso cominciato dal primo turno dello scorso 2 ottobre, quando all’Arechi la Salernitana di Stefano Sanderra supera ai calci di rigore il Messina (Guazzo e Costa Ferreira chiudono i tempi regolamentari sull’1–1, poi dagli undici metri decisive risulteranno le parate di Berardi). Il 6 novembre è il Catanzaro a doversi arrendere ai granata di Carlo Perrone che, sempre nella cornice dell’Arechi, si aggiudicano il secondo turno dopo i tempi supplementari: il 2–1 finale è opera di Ricci, dopo che nei novanta minuti Mounard aveva pareggiato l’iniziale svantaggio di Casini.

Nel mini girone del terzo turno i granata pescano Ischia e Frosinone, giocando in casa la gara con gli isolani e affrontando in trasferta i ciociari. Il 27 novembre la doppietta di Ginestra stende 2–1 l’Ischia e, grazie allo 0–0 ottenuto al “Matusa” il 18 dicembre, consente alla Salernitana di staccare il pass per le semifinali. Dove a guidare la squadra verso la finalissima sarà Angelo Gregucci.

Il sorteggio assegna alla Salernitana il Grosseto, in un doppio confronto che premia i granata sia all’andata che al ritorno. Il primo atto si gioca il 12 febbraio allo Stadio Arechi e a deciderlo è un calcio di rigore di Mendicino al 92’, dopo un pirotecnico primo tempo terminato 2–2. Il 25 febbraio Montervino e Gustavo firmano l’1–2 del return match e proiettano i granata all’ultimo atto della competizione.

La finale è storia recente, con la gara di andata del 19 marzo risolta al 92’ da Ricci e il pareggio di questa sera acciuffato da Volpe all’87’. Un’esaltante cavalcata che consegna alla bacheca granata il secondo trofeo della storia della Salernitana dopo la Supercoppa di Seconda Divisione vinta lo scorso anno.

 

 

 

IL CAMMINO DELLA SALERNITANA IN COPPA ITALIA LEGA PRO 2013/2014

 

 

Primo Turno

Salernitana – Messina 4 – 1 d.c.r.

 

Secondo Turno

Salernitana – Catanzaro 2 – 1 d.t.s.

 

Terzo Turno

Salernitana – Ischia 2 – 1

Frosinone – Salernitana 0 – 0

 

Semifinale

Salernitana – Grosseto 3 – 2

Grosseto – Salernitana 1 – 2

 

Finale

Monza – Salernitana 0 – 1

Salernitana – Monza 1 – 1