U.S. Salernitana 1919 - Photo Ianuale

“Quella di domani è una partita molto difficile. Affrontiamo un avversario di valore, con esperienza e qualità tecnica. Dopo sei vittorie consecutive il rischio potrebbe essere quello di sottovalutare l’impegno, ma i giocatori sono sufficientemente catechizzati a riguardo e sanno che per far risultato ci vorrà una grande prestazione”. Con queste parole il tecnico Leonardo Menichini è intervenuto stamani in conferenza stampa nella Sala Pier Luigi Nervi del Seci Center alla vigilia di Barletta – Salernitana.

Sul modulo con cui la squadra potrà scendere in campo al “Puttilli”: “Col 3-5-2 abbiamo trovato dei buoni equilibri, ma come al solito mi riservo di ufficializzare la formazione il giorno stessa della gara. Più che di moduli mi piace parlare di principi: ai ragazzi chiedo sempre di avere il controllo della palla per avere il controllo del gioco e porre sempre in primo piano il collettivo in entrambe le fasi di gioco”.

Sulla possibile spalla di Calil nel reparto avanzato: “Mendicino ha giocato solo una partita in Coppa Italia. Si sta allenando bene, sta crescendo e lo tengo in considerazione. Gabionetta viene da due gol consecutivi e a livello di forma è sicuramente più avanti”.

U.S. Salernitana 1919 - Photo IanualeIl mister ha fatto poi il punto di questi mesi al timone della Salernitana: “Quando sono arrivato era difficile pronosticare una classifica come quella attuale a due giornate dalla sosta natalizia. Il mio obiettivo era innanzitutto quello di conoscere quanto prima ambiente e giocatori e a trovare un sistema di gioco che potesse esaltare il più possibile le loro caratteristiche”.

Menichini ha avuto parole dolci anche nei confronti dei ragazzi del vivaio granata: “Ci sono dei giovani molto interessanti che spesso si allenano con noi e questa rappresenta per loro un’occasione di grande crescita. Molti hanno già esordito in prima squadra in occasione della sfida di Coppa Italia a Cosenza, ma l’aspetto più importante è non aver fretta e lasciarli crescere con calma”.

Il tecnico ha quindi concluso con un pensiero sul mercato ormai alle porte: “Come detto più volte saremo vigili su eventuali situazioni che potrebbero potenziare questa squadra. Per ora però la nostra attenzione è tutta rivolta a chiudere l’anno nel migliore dei modi, dopodiché a gennaio valuteremo anche altre situazioni”.