PALERMO – SALERNITANA 1 – 2

Reti: 17’ pt Jajalo (P), 41’ pt Anderson A., 48’ st Casasola (S).

Palermo: Brignoli, Rispoli, Accardi (39’ st Salvi), Rajkovic (4’ st Pirrello), Jajalo, Moreo, Trajkovski, Chochev, Falletti, Szyminski, Haas (15’ st Puscas). All.: R. Stellone.

A disposizione: Avogadri, Pomini, Embalo, Ingegneri, Fiordilino, Murawski.

Salernitana: Micai, Pucino, Vitale, Anderson D. (35’ st Casasola), Gigliotti, Di Tacchio, Akpa Akpro (28’ st Minala), Migliorini, Anderson A., Perticone, Jallow (40’ st Djuric). All.: A. Gregucci.

A disposizione: Vannucchi, Russo, Mantovani, Vuletich, Rosina, Bocalon, Orlando, Mazzarani.

Arbitro: Federico Dionisi di L’Aquila.
Assistenti: Davide Imperiale (sez. Genova) – Niccolo’ Pagliardini (sez. Arezzo).
IV uomo: Fabio Piscopo (sez. Imperia).

Ammoniti: Pirrello, Jajalo, Chochev (P), Migliorini, Di Tacchio (S).

Angoli: 5 – 3

Recupero: 6’ st.

PALERMO – La Salernitana sbanca il “Barbera” battendo 2-1 il Palermo conquistando la prima vittoria esterna in questo campionato. Alla prima occasione, però, è il Palermo a passare in vantaggio: sugli sviluppi di un calcio piazzato, Haas mette al centro un pallone su cui si avventa Jajalo, che col destro trafigge Micai e porta avanti i suoi. Al 26’ Rispoli va via in progressione, supera Gigliotti e va al tiro ma Micai è reattivo nella deviazione in angolo. Al 40’ si fa vedere anche la Salernitana con una conclusione di Jallow da distanza ravvicinata respinta da Brignoli. È il preludio al gol, che arriva un minuto più tardi con una rasoiata di André Anderson che non dà scampo all’estremo difensore rosanero e vale l’1–1 su cui si chiude il primo tempo. Nella ripresa granata in campo più convinti e subito vicini al gol con un gran tiro di Akpa Akpro, che per poco non sorprende Brignoli dalla lunga distanza. Al 20’ ci prova Vitale direttamente da calcio di punizione sorvolando di poco la traversa. Al 37’ Migliorini va in cielo a deviare di testa un corner di Vitale ma trova il salvataggio di Puscas sulla linea di porta. Nel terzo dei sei minuti di recupero l’episodio che decide il match: Di Tacchio porta avanti una perfetta ripartenza e serve Casasola, che con un diagonale chirurgico batte Brignoli e regala alla Salernitana i primi tre punti del 2019.