U.S. Salernitana 1919 - Photo Ianuale

Salernitana – Foggia 2 – 2
Reti: 38′ pt, 35′ st Iemmello (F), 16′ st Favasuli, 31′ st Mendicino (S).

Salernitana: Gori (25′ pt Russo), Colombo, Bocchetti, Moro (46′ st Tuia), Lanzaro, Trevisan, Nalini, Favasuli, Calil, Gabionetta, Bovo (12′ st Mendicino). All.: L. Menichini.

A disposizione: Franco, Tagliavacche, Perrulli, Cristea.

Foggia: Narciso, Bencivenga (28′ st Grea), Agostinone, Agnelli, Potenza, Gigliotti, Minotti (35′ st Barraco), Quinto, Iemmello, Cavallaro (21′ st Sainz-Maza), Sarno. All.: R. De Zerbi.

A disposizione: Micale, D’Angelo, D’Allocco, Leonetti.

Arbitro: Alessandro Caso di Verona.
Assistenti: Matteo Benedettino (sez. Bologna) – Gian Luca Sechi (sez. Sassari).

Ammoniti: Trevisan (S), Cavallaro, Quinto, Agostinone, Gigliotti, Minotti, Grea (F).
Espulso: 49′ st Gigliotti (F).
Angoli: 3 – 4
Recupero: 2′ pt, 4′ st.
Spettatori: 9465

Scoppiettante 2–2 tra Salernitana e Foggia. All'”Arechi” la Salernitana passa in svantaggio contro il Foggia, ma prima ribalta il risultato, poi subisce il ritorno della compagine pugliese. Primo tempo di marca rossonera, con Gori che al 10′ è bravo a deviare in angolo un pericoloso tiro-cross di Agostinone. Al 29′ il neo entrato Russo è autore di un doppio intervento su Iemmello prima e Cavallaro poi. Al 38′ il Foggia passa: calcio di punizione dalla trequarti e imperioso stacco aereo di Iemmello, che piazza la sfera sul palo più lontano e regala il vantaggio agli ospiti. La Salernitana si fa vedere per la prima volta al 46′ con un calcio di punizione di Nalini di poco alto sopra la traversa. Si va al riposo sul parziale di 0–1. Al 3′ della ripresa Favasuli va al tiro dalla distanza, pallone sul fondo. Sono le prove del gol per il centrocampista granata, che al 16′ firma la prima rete personale in questa stagione che vale il pareggio granata. Al 31′ la Salernitana completa il sorpasso: Nalini lavora un buon pallone sulla destra e fa partire un cross basso sul quale si avventa Mendicino, che scarica un destro rabbioso sotto la traversa per il 2–1. Dura, però, solo quattro minuti il vantaggio della Salernitana, perché al 35′ Iemmello indovina un diagonale chirurgico e fa 2–2. Al 39′ il cross di Nalini è perfetto per Calil, ma il tiro del bomber granata è centrale e non crea problemi a Narciso. Al 43′ Mendicino conclude debolmente tra le braccia dell’estremo difensore pugliese. È l’ultima emozione di un match che lascia tanti rimpianti in casa granata.